Header news nuovo sito

   Logo ossola news big copia  logo sport gen15  logo1 vb  
home anzasca CERCA anzasca CHI SIAMO anzasca

banner app1

La Notte di Samahin, passeggiata fra spiriti e fantasmi

14918780 1297541130291008 930380522925047795 o

24-10-2017 – PIEVE VERGONTE – L'Associazione SopraLeRighe

organizza e propone la quarta edizione de "La Notte di Samahin, il Capodanno Celtico".
A Fomarco, la sera del 31 ottobre, dalle ore 20.30,  si terrà una spettacolare e paurosa passeggiata nel Borgo Maledetto! Grandi e piccini sono invitati a camminare nelle stradine, illuminate solo da torce e lanterne, tra ragnatele giganti, zucche spaventose e pipistrelli svolazzanti.
Fomarco verrà popolata da spiriti, fantasmi, streghe, vampiri, e licantropi che saranno liberi di girare per i vicoli terrorizzando con scherzi e urla coloro che saranno tanto temerari da attraversare il borgo.
Per i "sopravvissuti" alla paura, sotto il portico della chiesa di Santa Maria, gran finale con musiche e balli celtici con il gruppo Balbalord, un caratteristico falò, dolci, castagne e vin brulè!
Sarà una notte spaventosamente divertente!
Bus navetta gratuito da Pieve Vergonte, piazza Mercato all’ingresso della “passeggiata” (e ritorno). Info: 342 14 14 094.

La Storia di Samhain
"La Notte di Samhain" non è la classica festa di Halloween in stile americano, per intenderci, ma è nata proprio per far conoscere le antichissime radici di questa festa, considerata da molti "profana", che nasce in Irlanda dalla cultura Celtica. Samhain è il nome del capodanno Celtico e veniva festeggiato il 31 ottobre.
I Celti erano prevalentemente un popolo di pastori, ed i ritmi della loro vita erano scanditi dai tempi che l'allevamento del bestiame imponeva. Alla fine della stagione estiva, i pastori riportavano a valle le loro greggi, per prepararsi all'arrivo dell'inverno e all'inizio del nuovo anno. Per i Celti, infatti, l'anno nuovo non cominciava il 1° gennaio come per noi oggi, bensì il 1° novembre, quando terminava ufficialmente la stagione calda ed iniziava la stagione delle tenebre e del freddo, il tempo in cui ci si chiudeva in casa per molti mesi, riparandosi dal freddo, costruendo utensili e trascorrendo le serate a raccontare storie e leggende.
I Celti credevano che alla vigilia di ogni nuovo anno, cioè il 31 ottobre, Samhain chiamasse a sé tutti gli spiriti dei morti, che vivevano in una landa di eterna giovinezza e felicità chiamata Tir nan Oge, e che le forze degli spiriti potessero unirsi al mondo dei viventi, provocando in questo modo il dissolvimento temporaneo delle leggi del tempo e dello spazio e facendo sì che l'aldilà si fondesse con il mondo dei vivi e permettendo agli spiriti erranti di vagare indisturbati sulla Terra.
Samhain era, dunque, una celebrazione che univa la paura della morte e degli spiriti all'allegria dei festeggiamenti per la fine del vecchio anno. Durante la notte del 31 ottobre si tenevano dei raduni nei boschi e sulle colline per la cerimonia dell'accensione del Fuoco
Sacro e venivano effettuati sacrifici animali. Vestiti con maschere grottesche, i Celti tornavano al villaggio, facendosi luce con lanterne costituite da cipolle intagliate al cui interno erano poste le braci del Fuoco Sacro. Dopo questi riti i Celti festeggiavano per tre giorni, mascherandosi con le pelli degli animali uccisi per spaventare gli spiriti.
In Irlanda si diffuse l'usanza di accendere torce e fiaccole fuori dagli usci e di lasciare cibo e latte per le anime dei defunti che avrebbero reso visita ai propri familiari, affinché potessero rifocillarsi e decidessero di non fare scherzi ai viventi.
A metà del 1800 una grave carestia colpì l'Irlanda costringendo molta gente ad emigrare in America dove formarono diverse comunità e lì continuarono a celebrare i loro culti. Ben presto questa usanza si diffuse in tutto il popolo americano, quasi a diventare una festa nazionale, perdendo, però i suoi significati religiosi e rituali.

La Notte di Samahin, passeggiata fra spiriti e fantasmi

Ultimo aggiornamento (Martedì 24 Ottobre 2017 16:00)

 

Ultime OssolaNews

Per info e notizie:

anzascanews@gmail.com

logo macugnaga

TRE DI CROPPO

No Image Selected

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze ed in alcuni casi per inviare messaggi pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information